AC.

Ti guardo, tu mi guardi. Poi sorrido, ci ripenso.

Non lo so, non lo so che cosa sento.

Vorrei saperlo, capirlo, urlarlo.

Ti parlo, tu mi parli. Poi sorridi e io ci ripenso ancora.

Non riesco a smettere di pensare: cosa sarebbe? perché non è? e adesso?

E adesso rimango ferma.

Ti aspetto, tu mi aspetti?

Questo è il mio cervello, la versione ordinata. Questo è quello vorrei dire ma che non posso dire, perché poi tu ti allontani.

 

Caro AC,

Ti ho visto per la prima volta due mesi fa, quasi esatti, ieri. Non ci crederai, ma dopo sette mesi in cui ti ho sempre avuto di fronte, la prima volta che ti ho visto è stata il 27 marzo 2017.

Partivamo, per Vienna. Non ti ho mai detto quanto ero contenta di partire con la tua classe, sapevo che mi sarei divertita. Me lo sentivo.

Mi ricordo la nostra prima conversazione, la seconda sera, mentre tornavamo verso pullman e tu mi parlavi di scuola, ti fa schifo la scuola ma ne parlavi sempre. Da lì non abbiamo più smesso, parlavamo tanto, io e te.

Non volevo che fosse importante, ma poi ha finito per esserlo, perché noi parlavamo e il tempo passava veloce.

Ho capito che non potevo starti troppo lontana senza nemmeno che tu mi dessi l’occasione per far si che fossi tu a non riuscire più a stare lontano da me.

Tu sei lì, non te ne vai.

Non volevi illudermi, hai detto. Pensavi ancora a lei.

Sei gentile, non vuoi ferirmi perché per te non è lo stesso. Lo capisco.

Ti capisco, ti capirò sempre per questo. Ma tu non capisci me, forse non mi capirai mai.

Forse non siamo fatti per coincidere, anche se io credo che invece possiamo.

Io ti aspetto, nel frattempo balliamo.

RT.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...